Claims nutrizionali e salutistici: scopriamo insieme cosa sono e quali norme si devono seguire per il loro utilizzo.

Sempre più spesso ci capita di leggere sulle etichette degli alimenti che compriamo indicazioni miracolose sulla salute, ma in questa giungla apparentemente selvaggia di slogan benefici, si devono seguire regole ben precise. Scopriamo insieme quali sono le norme principali e come applicarle.

Chiarimenti Corsi Ex Rec

I claims sono messaggi promozionali e pubblicitari inerenti il settore alimentare che stanno acquisendo importanza sempre maggiore, soprattutto per quelle aziende medio/grandi, che vogliono rendere più visibili ed apprezzati i loro prodotti rispetto alla moltitudine di simili beni alimentari presenti sul mercato. Frasi del tipo: “senza grassi, senza colesterolo, fonte di fibre, senza sale, ecc …” non possono essere riportate in etichetta in maniera indiscriminata ma si devono rispettare criteri abbastanza stringenti.

La normativa di riferimento è molto complessa. Citando solo alcune delle norme in vigore, come il D. Lgs 206/2005, il D. Lgs. 145/2007 o il D. Lgs. 109/92, le principali risultano essere il Reg. UE 1924/2006, che riguarda i claims nutrizionali, e il Reg. UE 432/2012 incentrato sui claims salutistici.

In generale, come si legge nell’articolo 3 del Reg UE 1924/2006, l’impiego dei claims non può “…essere ambiguo e fuorviante; dare adito a dubbi sulla sicurezza e/o sull’adeguatezza nutrizionale di altri alimenti; incoraggiare o tollerare il consumo eccessivo di un elemento; affermare, suggerire o sottintendere che una dieta equilibrata e varia non possa in generale fornire quantità adeguate di tutte le sostanze nutritive; fare riferimento a cambiamenti delle funzioni corporee che potrebbero suscitare o sfruttare timori nel consumatore, sia mediante il testo scritto sia mediante rappresentazioni figurative, grafiche o simboliche”.

Non sono consentite inoltre indicazioni sulla salute che suggeriscono una compromissione della salute in caso di mancato consumo dell’elemento in questione; indicazioni che declamano la percentuale o l’entità della perdita di pesa promessa; indicazioni che facciano riferimento al parere di un unico medico.

I claims nutrizionali e le loro condizioni di applicazione sono indicati nell’allegato del Regolamento 1924/2006. Ad esempio per poter scrivere in etichetta “a basso contenuto di grassi”, l’alimento non deve contenere più di 3 g di grassi per 100 g se solido, o 1,5 g per 100 ml se liquido. Oppure per poter scrivere “fonte di fibre”, l’alimento deve contenere almeno 3 g di fibre per 100 g o 1,5 g per 100 kcal, mentre per essere considerato invece “ad alto contenuto di fibre” la concentrazione minima di fibre deve essere il doppio.

L’allegato regola i claims riguardanti le calorie, i grassi (saturi), gli zuccheri, il sale / sodio, le fibre, le proteine, vitamine e Sali minerali.

Come già accennato il Regolamento 432/2012 riguarda invece le indicazioni sulla salute. Esso consta principalmente di un allegato in cui per ogni sostanza nutritiva, sostanza di altro tipo, alimento o categoria di alimenti vengono forniti: l’indicazione che può essere inserita in etichetta; le condizioni d’uso di tale indicazione; le condizioni e/o restrizioni d’uso dell’alimento e/o qualche dicitura o avvertenza supplementare; il numero del Giornale dell’EFSA a cui far riferimento per giustificare l’indicazione in questione e il numero di voci pertinenti nell’elenco consolidato sottoposto alla valutazione dell’EFSA. Ad esempio nel caso di “alimenti a basso o a ridotto contenuto di sodio”, tale indicazione deve essere accompagnata dalla frase “La riduzione del consumo di sodio contribuisce al mantenimento di una normale pressione sanguigna” e può essere utilizzata solo se rispetta le concentrazioni indicate nell’allegato del Reg 1924/2006, cioè se la riduzione del contenuto in sale/sodio rispetto ad un prodotto simile è del 25%.

Purtroppo attualmente molte sono le aziende che contravvengono a questi Regolamenti ingannando il consumatore medio, ma ci auguriamo che i controlli delle autorità competenti saranno sempre più mirati ed efficaci.

Scarica l'Articolo in formato *.pdf

Trovi interessante questo contenuto? Segnalaci su Facebook!

Alcuni dei nostri Clienti

Clienti HACCP